venerdì 13 marzo 2020

Facebook vieta gli annunci di mascherine per evitare le speculazioni


Facebook ha temporaneamente vietato la pubblicità di maschere mediche monouso e altri dispositivi sanitari come parte di uno sforzo per prevenire l'uso delle sue piattaforme per sfruttare le preoccupazioni delle persone riguardo all'emergenza del nuovo coronavirus. Il social network ritiene che questa misura sia indispensabile per porre un freno al tentativo di alcune persone di sfruttare a loro favore l'attuale situazione d'emergenza. Facebook in precedenza aveva annunciato che avrebbe rimosso dal sito tutti i post, le foto e i video che diffondono disinformazione sull'argomento.

La scelta della società di Menlo Park è stata annunciata su Twitter dal suo direttore per la gestione dei prodotti, Rob Leathern. "Lo stiamo implementando nei prossimi giorni e prevediamo che i profittatori svilupperanno il loro approccio man mano che applichiamo tali annunci. Segnala se visualizzi tali annunci (angolo in alto a destra dell'annuncio) e contrassegna anche qui affinché i nostri team possano agire", si legge nel tweet. Anche i gruppi e le pagine a tema coronavirus saranno bloccati dal suo algoritmo, afferma Facebook. Le regole si applicano anche a Instagram. I social network di Menlo Park continuano infine a fornire collegamenti a fonti verificate quando un utente svolge una ricerca a tema Covid-19.


Facebook in precedenza aveva annunciato il divieto di pubblicità di prodotti medici che suggerivano erroneamente che un articolo è in offerta limitata e che promuovono false cure o metodi di prevenzione per il coronavirus. Dal momento che nella maggior parte dei negozi, online e fisici, le mascherine Ffp2 e Ffp3 (ossia quelle con i filtri più potenti) sono irreperibili, alcune persone hanno iniziato a rivenderle sul marketplace di Facebook a prezzi esorbitanti. Oppure hanno iniziato ad acquistare pubblicità per raggiungere un più ampio numero di potenziali clienti. "Le scorte sono scarse, i prezzi sono aumentati e siamo contro le persone che sfruttano questa emergenza per la salute pubblica", ha twittato Adam Mosseri, il capo di Instagram.

Facebook ha chiuso uno dei suoi uffici di Seattle dopo che un contractor si è rivelato positivo al nuovo coronavirus e ha chiesto ai 5.000 dipendenti di Seattle di lavorare da casa fino al 31 marzo. Facebook ha anche limitato i visitatori ai suoi uffici e ha annullato la sua partecipazione a numerose conferenze a seguito dell'epidemia. La società ha inoltre cancellato la sua conferenza annuale F8, prevista per maggio. Anche eBay e Amazon hanno modificato le loro regole sulla merce correlata al coronavirus. Google ha messo al bando tutti gli annunci pubblicitari relativi alle mascherine per uso medico. A livello globale, ora ci sono almeno 128.000 casi di coronavirus e oltre 4.700 decessi, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University.





Via: ANSA

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...