mercoledì 31 luglio 2019

Privacy, Corte europea su Like di Facebook: siti Web corresponsabili


La Corte suprema europea ha stabilito che i siti Web che utilizzano il pulsante "Mi piace" di Facebook devono ottenere l'autorizzazione esplicita degli utenti dal widget. Il pulsante Like consente ai siti di e-commerce di promuovere i propri prodotti, ma alcuni ritengono che questa trasmissione di dati sia contraria al Regolamento europeo sulla protezione dei dati, entrato in vigore nel maggio 2018. La Corte, con sede a Lussemburgo, è stata chiamata in causa dall'Oberlandesgericht Düsseldorf, che ha chiesto un pronunciamento sull'esposto avanzato da un'associazione di consumatori.

La Corte di Giustizia Europea (Cgue) ha esaminato il caso contro Fashion ID, un marchio di abbigliamento tedesco online. Avendo il pulsante Like di Facebook sulla sua pagina, Fashion ID ha assicurato che i suoi prodotti sarebbero stati più visibili sul sito web dei social media. Anche se i clienti non hanno fatto clic sul pulsante Mi piace, i dati sono stati trasmessi a Facebook per comunicare di aver visitato la pagina. Questi dati sono stati inviati al gigante dei social network "senza che quel visitatore ne sia consapevole e indipendentemente dal fatto che sia o meno membro del social network".

Il tribunale - si legge nella sentenza - ha stabilito che Fashion ID, o qualsiasi sito Web con un pulsante simile, "deve fornire, al momento della loro raccolta, determinate informazioni a tali visitatori come, ad esempio, la sua identità e le finalità del trattamento". Nonostante ciò, ha anche stabilito che Fashion ID non è responsabile di ciò che Facebook fa con i dati forniti in quanto è "impossibile" che "determini gli scopi e i mezzi di tali operazioni". Le aziende devono comunicare agli utenti quali dati vengono utilizzati per conformarsi al Regolamento generale sulla protezione dei dati (Gdpr) dell'Ue.


Ai sensi del Gdpr - scrive il Mail Online - le aziende sono tenute a segnalare violazioni dei dati entro 72 ore, nonché a consentire ai clienti di esportare i propri dati ed eliminarli. Parte dei diritti estesi degli interessati indicati dal Gdpr è il diritto degli interessati di ottenere dalla conferma del responsabile del trattamento se i dati personali che li riguardano sono trattati o meno, dove e per quale scopo. Inoltre, il responsabile del trattamento deve fornire una copia dei dati personali, gratuitamente, in un formato elettronico. Questo è un passaggio alla trasparenza e all'empowerment dei dati degli interessati.

La sentenza emessa lunedì 29 luglio dalla Corte di Giustizia Europea non è appellabile. Mentre la decisione è stata pronunciata in un tribunale europeo e il Gdpr protegge i cittadini europei, può avere un impatto su qualsiasi azienda che opera in uno Stato europeo o ha visitatori dell'Unione Europea sul proprio sito Internet. Jack Gilbert, Consigliere generale associato di Facebook, ha dichiarato: "I plug-in per siti Web sono caratteristiche comuni e importanti dell'Internet moderno. Accogliamo con favore la chiarezza che la decisione odierna consegna sia ai siti Web sia ai fornitori di plug-in e strumenti simili".

"Stiamo esaminando attentamente la decisione del tribunale e lavoreremo a stretto contatto con i nostri partner per garantire che possano continuare a beneficiare dei nostri plug-in sociali e di altri strumenti aziendali nel pieno rispetto della legge", ha aggiunto. La società potrebbe apportare modifiche al pulsante Mi piace per garantire che i siti Web che lo utilizzano siano in grado di conformarsi al Gdpr europeo. Ma l'impatto della sentenza potrebbe essere di vasta portata. Non è solo Facebook infatti che utilizza questi plugin e widget. Altre piattaforme di social media come Twitter e LinkedIn hanno strumenti simili.





Via: AskaNews

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...