lunedì 3 dicembre 2018

Soros, email di Sandberg ai funzionari FB? Indagine era già in corso


Il direttore operativo di Facebook, Sheryl Sandberg, avrebbe chiesto via email al suo staff di indagare sul miliardario George Soros, a causa delle dure dichiarazioni all'inizio dell'anno riguardo al social network. La società ha ammesso l'esistenza del documento, ma ha precisato che le ricerche erano iniziate già da tempo. Fino ad ora la manager aveva affermato di non essere a conoscenza del lavoro svolto da Definers Public Affairs, una società di comunicazioni che Facebook ha assunto per le relazioni pubbliche e la ricerca di oppositori, tra cui il ricco imprenditore ungherese.

La richiesta di condurre l'indagine arrivò dopo che Soros definì sia Facebook che Google "una minaccia" per il mondo durante il suo discorso al World Economic Forum (WEF) a Davos lo scorso gennaio. Mentre Facebook ha riconosciuto la sua relazione con Definers in seguito alla rivelazione del New York Times, la società ha insistito sul fatto che i suoi due massimi dirigenti, Sandberg e il CEO Mark Zuckerberg, avevano poca o nessuna conoscenza dei legami dell'azienda con l'azienda o il suo lavoro. Elliot Schrage, capo uscente della Comunicazione & Politiche di Facebook, ha spiegato di aver assunto Definers nel 2017 come parte dell'attività di lobbying per reggere alle crescenti pressioni anche da parte dei media.

Quando la campagna "Freedom from Facebook" emerse come una cosiddetta coalizione di base, il team chiese a Definers di aiutare a capire i gruppi che vi erano dietro. Seppero che George Soros stava finanziando diversi membri della coalizione. Prepararono i documenti e li distribuirono alla stampa per dimostrare che questo non era semplicemente un movimento di base spontaneo. "La responsabilità di queste decisioni spetta alla leadership del team di comunicazione. Sono io. Mark e Sheryl si sono affidati a me per gestire questo senza polemiche. Conoscevo e approvavo la decisione di assumere Definers e aziende simili. Avrei dovuto sapere della decisione di espandere il loro mandato", ha sottolineato Schrage.

Il NYT rivela invece che sarebbe stata direttamente Sandberg a chiedere di indagare sul magnate ungherese. La versione del quotidiano statunitense smentirebbe anche quanto dichiarato dal COO di Facebook il 21 novembre e cioè di essersi occupata dell'indagine solo in un secondo momento. "Le accuse che dicono che io personalmente mi sono messa in mezzo sono anche semplicemente sbagliate (...) Non sapevo che li avessimo assunti o sul lavoro che stavano facendo, ma avrei dovuto", ha scritto. Secondo la testata americana la signora Sandberg avrebbe chiesto informazioni attraverso un messaggio di posta elettronica che sarebbe stato inoltrato ad altri alti funzionari delle comunicazioni e delle Policy del social network.

"Soros è un investitore di primo piano e noi abbiamo indagato sui suoi investimenti e sulle sue attività di trading relative a Facebook - ha risposto una portavoce del gruppo - quella ricerca era già in corso quando Sheryl ha inviato un'email in cui chiedeva se Soros avesse ridotto le azioni di Facebook". La signora Sandberg respinge inoltre le accuse di antisemitismo. "Voglio anche sottolineare che non è mai stata l'intenzione di nessuno di giocare in una narrativa antisemita contro il signor Soros o chiunque altro. (...) L'idea che il nostro lavoro sia stato interpretato come antisemita è aberrante per me", ha rimarcato. Il team legale dell'azienda continua a rivedere il lavoro con Definers per capire cosa sia successo.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...