mercoledì 30 marzo 2016

Facebook si scusa per il bug nel Safety check dopo strage di Lahore


Stupore per il "Safety check" sull'attacco in Pakistan arrivato anche agli utenti italiani. Il gigante del social networking Facebook ha chiesto scusa lunedi dopo un bug della sua funzione di "controllo di sicurezza" in un avviso di breaking news per tutti gli utenti dopo una potente esplosione che ha distrutto un parco pubblico a Lahore, uccidendo 69 persone e ferendone oltre 250. Facebook accende la funzionalità "Safety check" per aiutare a far sapere ad amici e familiari di essere al sicuro nel caso in cui si resta intrappolati dopo un disastro naturale o attacco terroristico.

Ma nel caso dell'attacco terroristico di Lahore, la gente ha ricevuto la notifica in luoghi non vicini, o addirittura lontano dal Pakistan, ha segnalato Quarz. In realtà, le persone delle città di New York, Sud Africa, Nepal e Canada hanno twittato di aver ricevuto la notifica "Verifica di sicurezza" attivata dopo l'esplosione di Lahore. Facebook ha spiegato che l'invio è partito per errore verso gli utenti di tutto il mondo a causa di un errore all'algoritmo che regola il servizio in base alla geolocalizzazione dei profili. Facebook ha detto in un post sulla sua pagina Disaster Response on Facebook: 

"Abbiamo attivato il controllo di sicurezza oggi a Lahore, Pakistan, dopo un'esplosione che ha avuto luogo lì. Speriamo che la gente nella zona del bombardamento possano trovare Safety Check un modo utile e disponibile per permettere lasciare ai loro amici e la famiglia di sapere stanno bene. Purtroppo, molte persone non colpite dalla crisi hanno ricevuto una notifica che chiedeva se stavano bene. Questo tipo di bug è in contrasto con le nostre intenzioni. Abbiamo lavorato rapidamente per risolvere il problema e ci scusiamo con tutti coloro che erroneamente hanno ricevuto la notifica". 

Anche il Co-fondatore e CEO del social network Mark Zuckerberg ha pubblicato un post sull'attacco terroristico da parte dei talebani. "Questa mattina abbiamo attivato Controllo della sicurezza in Pakistan dopo che una bomba che ha preso di mira bambini e le loro famiglie in un parco a Lahore. Nel corso degli ultimi due mesi, abbiamo attivato Safety Check più volte per atti di terrorismo, tra cui in Turchia e Belgio. Così le persone nella zona sono state in grado di far sapere ai loro amici e persone care di essere al sicuro. Ognuno di questi attacchi era diverso, ma tutti avevano un filo comune:" 

"sono state effettuate con l'obiettivo di diffondere la paura e la diffidenza e girare membri di una comunità contro l'altra. Credo che l'unico modo sostenibile per combattere contro coloro che cercano di dividerci è quello di creare un mondo in cui la comprensione e l'empatia possono diffondersi più velocemente dell'odio, e dove ogni singola persona in ogni paese si sente collegata, curata e amata. Questo è il mondo che possiamo e dobbiamo costruire insieme". A gennaio, quando un potente terremoto di magnitudo 6.7 ha scosso Manipur, Facebook attivato il suo strumento "Verifica di sicurezza" per aiutare le persone nella zona.


Fonte: BGR
Via: AD Week

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...