mercoledì 25 settembre 2013

Cina, Facebook e Twitter accessibili in una piccola zona di Shanghai


La Cina ha intenzione di aprire Facebook e Twitter. I due social network, sono inaccessibili dal 2009 e anche il New York Times è stato oscurato dall'anno scorso, quando ha pubblicato gli scandali familiari dell'ex premier Wen Jiabao. La notizia è stata riportata da Reuters e viene dal South China morning post, quotidiano di Shangai. Un portavoce di Facebook non ha fatto commenti sulla relazione del giornale.

E non ci sono conferme governative, ma secondo l'agenzia, lo sblocco dei siti è previsto per il 29 settembre, ma solo a Shanghai, nella zona di libero scambio voluta da Deng Xiaoping. Citando fonti non identificate del governo, il quotidiano di Hong Kong anche detto che le autorità sarebbero pronte ad accogliere proposte formulate da società di telecomunicazioni straniere per fornire servizi Internet nella zona.

Per Facebook, il più grande social network online del mondo, con 1,15 miliardi di utenti, la Cina rappresenta un nuovo importante mercato per la crescita. Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg, che ha studiato mandarino e visitato la Cina per incontrare gli imprenditori Web locali, ha detto che vuole rendere Facebook disponibile online in Cina con l'obiettivo della sua azienda di collegare il mondo. 

All'inizio di questo mese, il Chief Operating Officer di Facebook Sheryl Sandberg ha incontrato il capo dell'Ufficio Informazioni del Consiglio di Stato (SCIO) nel corso di una visita a Pechino. La coppia ha discusso l'importanza di Facebook in relazione alla continua espansione delle imprese cinesi all'estero "e varie questioni di cooperazione", secondo un post sul sito web del Consiglio. 

Twitter, che si sta preparando ad una offerta pubblica iniziale, potrebbe anche trarre vantaggio dall'essere disponibile in Cina, il più grande mercato Internet del mondo. Eppure, molti utenti web cinesi utilizzano già servizi simili, come Sina Weibo. La "free-trade zone" di Shanghai permetterà alle aziende di telecomunicazioni straniere di competere con quelle statali. Nel resto della Cina il filtro della grande muraglia digitale rimarrà inalterato.


Fonte: Reuters
Via: Primaonline

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...