domenica 14 luglio 2013

Minacce su Facebook e Twitter alla Carfagna: verremo a prenderti...


La portavoce del gruppo Pdl alla Camera dei deputati Mara Carfagna ha dato mandato ai suoi legali di procedere per diffamazione e minacce verso gli utenti di Facebook e Twitter che hanno utilizzato nei suoi confronti affermazioni lesive e gravemente offensive. Lo comunica, in una nota, l'ufficio stampa della parlamentare del Pdl. 

I commenti, molti dei quali espressi da presunti militanti del Movimento 5 Stelle, si riferiscono alla presa di posizione di Mara Carfagna contro l'ipotesi di «oscurare Mediaset se non ha i titoli», avanzata nei giorni scorsi dal senatore pentastellato Mario Giarrusso e rilanciata ieri dal blog di Beppe Grillo, si spiega nel comunicato

«A destare maggiori preoccupazioni sono le minacce personali come, ad esempio, quella espressa dall'utente Facebook che si presenta con il nome di Federico Casadei: "Ti verremo a prendere a casa..."», si riferisce. Per il ministro dell'Interno Angelino Alfano il clima è "pericoloso", e Maria Stella Gelmini ha invitato a regolamentare il web.

Mario Giarrusso, al termine dei lavori della Giunta del Senato che ha avviato la discussione generale sulla questione dell'ineleggibilità di Silvio Berlusconi, ha annunciato: "Abbiamo chiesto l'acquisizione delle concessioni per cui Mediaset trasmette ed esponenti del partito-azienda ci hanno detto che non ci sono concessioni da acquisire". 

"A questo punto - ha continuato - ci rivolgeremo alla Guardia di finanza e se ci dicono che Mediaset non ha titoli, pensiamo che vada sanzionata. Anche con l'oscuramento? Se non ha i titoli...". Nel corso della seduta, Felice Casson (Pd) ha chiesto l'acquisizione degli atti del processo Mediaset.

In merito alle dichiarazioni di Mario Giarrusso (M5S), Mediaset precisa in una nota che «l'istituto della "concessione" nel settore televisivo non esiste più dal luglio 2012, data in cui tutto il sistema ha abbandonato la tecnica analogica ed è passato alla tecnica digitale». 

«Le trasmissioni digitali - spiegano da Mediaset - hanno luogo in base ad "autorizzazione generale" e ai "diritti d'uso" sulle radiofrequenze, secondo la normativa europea che ha vietato il rilascio di titoli individuali - quali le "concessioni" - nel settore delle comunicazioni elettroniche come la tv o le telecomunicazioni».

Fonte: AGI
Via: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...