giovedì 14 febbraio 2013

Giudice distrettuale Usa respinge 4 cause contro Facebook dopo IPO


Facebook incassa una prima vittoria in tribunale: un giudice distrettuale degli Stati Uniti, ha respinto oggi quattro cause intentate contro il social network da parte degli azionisti che rivendicano il fatto che la società non è riuscita a divulgare informazioni rilevanti prima della sua offerta pubblica iniziale (IPO) nel maggio 2012, secondo l'agenzia di stampa Reuters.

Il giudice distrettuale Robert Sweet, a Manhattan, ha detto che gli investitori non hanno motivi per citare in giudizio Facebook perché non erano azionisti del social network nel momento in cui si sarebbero verificati i presunti illeciti. Tuttavia, un certo numero di altre rivendicazioni sono ancora proposte contro Facebook, e gli attori possono presentare nuove versioni "derivate" dei loro casi entro 20 giorni. 

I querelanti sostengono che Facebook nascose parte dei fatti agli investitori e potenziali investitori su come le sue previsioni di crescita avrebbero subito conseguenze di un maggior uso del mobile. Tuttavia, il giudice Sweet ha detto che la società ha in effetti "avvertito del fatto più volte espressamente e ampiamente" sui trend di utilizzo mobile e gli effetti potenziali sulla crescita dei ricavi. 

In sostanza non possono accusare Facebook di comunicazione ingannevole. In una ulteriore sentenza, il giudice Sweet ha deciso che una class action contro la proposta di Nasdq Omx Group per i danni relativi all'offerta pubblica iniziale di Facebook dovrebbe rimanere nella sua corte. L'attore aveva voluto che il caso fosse restituito alla Corte Suprema dello Stato di New York.

Gli investitori dicono di aver subito perdite a causa di difetti nel sistema Nasdaq sul primo giorno di negoziazione Facebook. Il portavoce di Facebook portavoce Andrew Noyes ha detto che la società è stata soddisfatta la sentenza. Gli avvocati dei ricorrenti non ha rilasciato commenti. Questo caso è in Facebook, Inc., Securities IPO e Contenzioso Derivato, US District Court, Southern District di New York, MDL No. 12-2389.



Via: Reuters

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...