sabato 7 aprile 2012

Marine insulta presidente Obama su Facebook, rischia radiazione


Un marine americano potrebbe essere cacciato dall'esercito dopo aver criticato il presidente Barack Obama su Facebook. Il sergente Gary Stein, 26 anni, arruolato da nove, ha accusato l'inquilino della Casa Bianca di essere "un nemico economico e religioso" e ha mandato Obama a quel paese. In altri commenti il sottufficiale ha poi lasciato intendere le sue simpatie politiche per gli avversari dell'attuale presidente: "Nobama 2012", è uno dei suoi messaggi.

E sul sito internet chiamato "Armed Forces Tea Party", Stein ha espresso il suo sostegno al partito ultra-conservatore che porta lo stesso nome. Direttive del Pentagono dicono che il personale militare in uniforme, non può sponsorizzare un club politico, partecipare a qualsiasi discussione televisiva o radiofonica o di un gruppo che sostiene a favore o contro un partito politico, candidato o causa, o di parlare in ogni caso per promuovere un movimento politico.

Una commissione incaricata di seguire il caso del militare statunitense, si è riunita giovedì a Camp Pendleton, una base militare della California ed ha raccomandato un'esclusione "non onorevole", una sanzione meno severa di quella "disonorevole". In tribunale civile, Stein è stato rappresentato dagli avvocati della U.S. Justice Foundation, l'American Civil Liberties Union, e Oathkeepers, così come J. Mark Brewer di una ditta di Houston e gli avvocati di uno studio a Vienna, in Virginia.

"Siamo davvero sorpresi e delusi, ma è stato un onore lottare per un eroe come il sergente. Stein ha il diritto come ogni altro Marine di parlare liberamente", ha detto l'avvocato difensore di Stein, dopo l'udienza che si è conclusa intorno la mezzanotte di giovedì.Stein ha detto che la sua affermazione su Obama faceva parte di un dibattito online sulla NATO che ha permesso alle truppe statunitensi di essere processate per i roghi del Corano in Afghanistan.

In tale contesto, ha detto, che non avrebbe seguito gli ordini dal presidente se si tratta di detenzione di cittadini statunitensi, disarmarli o di fare qualsiasi altra cosa che egli ritiene violi i loro diritti costituzionali. Stein ha detto che è stato rimosso dal suo lavoro presso il Marine Corps Depot Recruiting a San Diego il mese scorso e dato un lavoro d'ufficio che non ha accesso ai computer.

 

Fonte: Huffington Post
Via: TM News

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...