martedì 6 marzo 2012

BranchOut, applicazione su Facebook per utenti in cerca di lavoro


Facebook integra il 'social' con 'professional' e, di conseguenza, entra in competizione con Linkedin, nato dall'esigenza di creare un canale fondato proprio sull'e-recruitment. Al momento, infatti, solo l'1% della ricerca e selezione del personale avviene tramite Facebook, che pure conta 845 milioni di profili che rappresentano, potenzialmente, candidati da scovare: una vera e propria miniera di informazioni per le aziende e per i job seeker. 

L'idea di conquistare anche il mercato del lavoro non è infondata: il social network di Zuckerberg può, infatti, contare, oltre che su un importante bacino di utenza, sullo sfruttamento di una serie di relazioni intrecciate senza paragoni sul web. A oggi, intanto, su Facebook sono nate, e continuano a spuntare, delle 'app', ovvero delle applicazioni preposte al recruiting on-line che sono utili per l'utente, per il datore di lavoro potenziale e persino per il fondatore del social network che, in cambio, riceve dei compensi. 

Tali app permettono lo sdoppiamento del profilo: da una parte, dunque, pettegolezzi con le amiche o commenti sull'arbitraggio della partita in corso, dall'altra un'immagine di sé professionale che, se ammicca, lo fa solo a opportunità di lavoro. '500 amici si traducono in 15mila contatti professionali'. Questo il motto di BranchOut, applicazione nata su Facebook allo scopo di mettere in contatto head hunter e utenti alla ricerca di un'occupazione. 

BranchOut permette di importare i propri contatti da Facebook, Linkedin e Twitter, aggiornare e ricostruire il percorso professionale, integrandolo con commenti di apprezzamento. BranchOut consente, inoltre, per 300 dollari al mese, di usufruire del servizio RecruiterConnect, in grado di effettuare la ricerca di un profilo specifico setacciando la rete.



Via: Adnkronos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...