venerdì 6 gennaio 2012

Insegnante liceo minaccia su Facebook strage ebrei e immigrati


"Torino, professore su facebook minaccia stragi di ebrei e immigrati": e' il titolo dell'articolo di Repubblica.it che il professore citato nel pezzo, Renato Pallavidini, di Torino, ha linkato sulla sua bacheca di Facebook, cliccando sul tasto "mi piace". La strage di ebrei minacciata nella sinagoga di Torino se gli amministratori di Facebook avessero tolto alcune foto di Hitler e del Duce da lui pubblicate online, oggetto del titolo e dell'articolo del giornale, oggi sono sparite. 

Ma restano le foto e altri post e commenti di stampo neonazista del professor Pallavidini, 55 anni, insegnante di liceo che in passato era gia' stato accusato di negazionismo. Sul suo profilo, inoltre, si leggono anche minacce xenofobe e antisemite. "Americani e servi di sion che mi state controllando dalla California! E che cancellate ogni mio scritto sulla bacheca! Arrivera' anche per voi il momento di pagare con il sangue il vostro essere!", scrive in un post datato 14 settembre

Sulla bacheca del gruppo dal nome "Commemorazione morte del nostro amato duce", scrive: "Occorre organizzare una straripante e ben inquadrata manifestazione per il 28 ottobre 2012 che accomuni, senza divisioni, tutti i gruppi che si richiamano ai valori del Fascismo. E occorre muoversi con tempestivita' e discrezione!". 

Facebook non e' forse il luogo migliore per agire "con discrezione", ma proprio oggi Pallavidini aggiunge un commento che insuna il dubbio di essere "spiato": "Per quale motivo alcune pagine della mia bacheca, che contengono affermazioni forti, sono visibili a tutti, sul web, digitando il mio nome? Dovrebbero essere visibili solo dagli amici, non dai giornalisti di Repubblica che poi telefonano per chiedertene spiegazione!". In realtà molti contenuti della sua bacheca sono pubblici.

Via: AGI
Foto dal Web

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...