sabato 31 dicembre 2011

Auguri di Vasco su Facebook: sembrava la fine, sono ancora qua


"Buon 2012!! Gli auguri diaboliki di Vasco Super...star". Così Vasco Rossi titola, su Facebook, un messaggio di auguri per il nuovo anno, affidato alla storica portavoce Tania Sachs. "'Eh, gia'.. sembrava la fine del mondo.. ma sono ancora qua..'. Era il 7 febbraio - si legge - quando Vasco postava sulla sua pagina di facebook il 'video dell'annò con la canzone che avrebbe scombussolato il mondo intero! Un'autentica sorpresa che spiazza e spacca il mondo della comunicazione in due: favorevoli o contrari. E' comunque in atto un nuovo corso e Vasco deve accettare le conseguenze per essere ancora una volta il primo a rompere gli schemi tradizionali quando, alcuni mesi dopo, annuncia (speciale Rai1 del 26 giugno) le sue 'dimissioni da rockstar'. Smettere i panni della rockstar, tornare libero di fare il rocker, per amore e non costretto a compiere imprese sempre più esagerate. Così difficile da comprendere? Sono girate le più disparate e fantasiose ipotesi, nessuno, però, che abbia captato il cambiamento e l'inizio di una nuova era. L'uomo che supera il personaggio, eh..già... ma non l'artista. Che non conosce 'pensione'". Nel messaggio il Blasco, tramite Tania Sachs, ripercorre le tappe più salienti dell'anno, dall'uscita di 'Vivere o niente' ai concerti del 'Live Kom'011', dai problemi di salute che costringono a cancellare le date di settembre ("E' l'estate di Vasco, la più lunga e movimentata della storia: illazioni, pettegolezzi, partecipazione, affetto, curiosità, morbosità.. la sua degenza in clinica viene seguita dalla cronaca ora per ora, giorno per giorno") al film 'Questa storia qua' presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, alle ultime sorprese per i fans su iTunes.

Via: ANSA

Calcio: arriva su Facebook la Pagina ufficiale di Lega Dilettanti


Dopo la Serie A TIM, anche la Lega Nazionale Dilettanti sbarca su Facebook grazie a TIM, il brand di telefonia mobile di Telecom Italia. Dal 30 dicembre, un milione e 300 mila tesserati, appassionati e tifosi hanno a disposizione una pagina social aperta, di larga condivisione, dove trovare tante informazioni relative alle 70 mila squadre protagoniste dei 700 mila incontri a stagione della LND

La pagina ospitera' news, informazioni sulle migliori squadre del mese per categoria, ritratti dedicati ai nuovi talenti, storie legate alla passione per il calcio, foto e interviste ai protagonisti. Sara' uno spazio dedicato allo scambio di idee regolato da una policy comportamentale improntata al fair play e al rispetto reciproco, in modo che lo sport piu' amato dagli italiani possa essere sempre fonte di ispirazione, dialogo e confronto, ma soprattutto luogo di valori positivi e condivisi. 

Gli stessi principi che animano l'attivita' della Lega Nazionale Dilettanti, che rappresenta la base del calcio italiano. La Lega Nazionale Dilettanti (LND) è la componente più numerosa dell'organizzazione calcistica inquadrata all'interno della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC). 

Ne rappresenta le società e le associazioni sportive dilettantistiche, comprese quelle di calcio femminile, calcio a 5 e beach soccer, organizzandone i campionati attraverso le sue strutture competenti, avvalendosi esclusivamente delle prestazioni di calciatori non professionisti. 

Con 1.300.000 giocatori tesserati (comprensivi dell'attività ufficiale e di quella amatoriale e ricreativa), quasi 15.000 Società e oltre 60.000 squadre impegnate in circa 700.000 partite a stagione, la Lega Nazionale Dilettanti rappresenta la quasi totalità del calcio italiano.

Via: Adnkronos

venerdì 30 dicembre 2011

Capodanno su Facebook per appuntamenti al buio e tanti eventi


C'è chi si dà appuntamento a Londra, sotto al Big Ben. Chi mette a disposizione il proprio appartamento. O chi prenota un locale, affidandosi poi al passaparola per riempirlo di gente. Per la sera di Capodanno il popolo di Facebook scommette sugli appuntamenti al buio. Gli inviti vengono recapitati sotto forma di messaggi privati, scrivendo sulle bacheche degli utenti iscritti al social network, oppure linkando la pagina creata ad hoc per l'evento. 

E, nella maggioranza dei casi, gli invitati non sono gli amici o i conoscenti, come avviene nelle feste tradizionali, ma perfetti sconosciuti. Neanche l'età è una discriminante. Bastano un volto, un nome (finto o vero che sia), e l'e-mail con le coordinate di dove trovarsi può subito partire. 

Chi riceve la proposta non è nemmeno obbligato a confermare la propria partecipazione: potrà decidere di presentarsi anche all'ultimo momento. Il meccanismo organizzativo è semplice: si pensa a un evento - dalla classica festa in un disco-pub a un ritrovo all'estero - e si crea un gruppo o una pagina, alla quale si possono iscrivere tutti quelli che sono potenzialmente interessati a prendervi parte. 

Nello spazio riservato ai commenti si possono avere informazioni sulle modalità di svolgimento dell'incontro, mentre si tiene d'occhio il numero dei possibili partecipanti (l'adesione non è vincolante, e si potrà cambiare idea senza alcun preavviso), per avere la percezione di quanto sia popolare l'appuntamento. 

Si va da poche decine di persone a oltre seimila utenti. Le opzioni, per chi vuole avventurarsi in questa esperienza degli auguri allo sconosciuto, sono davvero tante. A cominciare dai gruppi pensati per chi partirà per l'estero. Due milioni di italiani saluteranno così il 2011 e muoveranno i primi passi nel 2012 attraverso una finestra digitale, quella della Rete.

Tratto da: La Repubblica, articolo di Marco Pasqua

Animali: Provincia Perugia presenta calendario, voto su Facebook


Il popolo di Facebook si e' espresso e dalle sue preferenze e' nato il calendario per il nuovo anno dello Sportello a 4 zampe della Provincia di Perugia. La sua presentazione e' avvenuta ieri mattina alla presenza del vicepresidente della Provincia di Perugia Aviano Rossi. Protagonisti della giornata gli stessi 13 animali riprodotti sul calendario che la Provincia ha voluto incontrare e premiare insieme ai loro padroni. 

Al concorso, indetto per la realizzazione del calendario, hanno partecipato 176 persone inviando le foto dei loro amici a quattro zampe. Dopo la prima selezione, come da regolamento, sono state ammesse alla votazione su Facebook 123 foto che hanno raccolto, complessivamente, oltre 15.000 voti. Le prime 26 piu' votate sono state sottoposte a valutazione da parte di un'apposita commissione che ha individuato le 13 foto per il Calendario 2012. 

Il concorso fotografico rientra nel quadro delle campagne di sensibilizzazione che lo Sportello a 4 Zampe, nato 10 anni fa, conduce su temi come la lotta contro l'abbandono e i maltrattamenti verso gli animali. "Il nostro impegno su questo fronte - ha spiegato il vicepresidente Rossi - e' giustificato dall'importante ruolo sociale che gli animali rivestono. Il nostro e' l'unico servizio pubblico del genere offerto a livello gratuito. Lo sosteniamo convintamente perche' siamo consapevoli di quale significato sociale, economico, sanitario e sportivo sia rappresentato da un animale, spesso compagno di vita insostituibile di anziani e bambini".

Tra i 13 protagonisti del calendario 2012: Yoda - gatto di copertina, Asia - cane gennaio, Rocky - cane febbraio, Arturo - gatto marzo, Homer - cane aprile, Sissy - cane maggio, Shiro - cane giugno, Gregory House - cane luglio, Kalì - cane agosto, Dodo - cane settembre, Balù e Lila - cani ottobre, Wulkano - cane novembre, Willy - gatto dicembre.

Via: AGI
Foto dal Web

Capodanno: sindaco Bari annuncia su Facebook divieto fuochi


Il sindaco di Bari, Michele Emiliano, ha annunciato su Facebook la firma di un’ordinanza per vietare i tradizionali botti di Capodanno, pericolosi per gli uomini e per gli animali domestici. Una decisione maturata dopo le numerose richieste giunte sulla pagina del primo cittadino. È lo stesso Emiliano ad annunciare la svolta ai propri fan con il testo definitivo dell'ordinanza in una nota: "Rilevato che si approssima la notte dell’ultimo giorno dell’anno e che la città di Bari è da molti anni teatro di molteplici spari di fuochi pirotecnici, concentrati a centinaia di migliaia nei minuti dopo la mezzanotte, mediante ordigni appositamente confezionati di libera vendita; che tale usanza procura ogni anno, puntualmente ed ineluttabilmente, un numero molto alto di feriti, alcuni dei quali con lesioni gravi e gravissime, provocate dall’uso improprio o dal malfunzionamento, di detti ordigni; che tale enorme forza di fuoco contemporaneo viene aggravata dall’utilizzo anche di ordigni illegali e dall’uso di armi da fuoco; che negli anni a nulla sono valse le innumerevoli campagne mediatiche intese a scoraggiare l’uso di detti ordigni nella notte di Capodanno e che il personale sanitario, le strutture di pronto-soccorso della città, non sono normalmente sufficienti ad assicurare la contemporanea assistenza a centinaia di feriti che affluiscono tutti insieme nel giro di pochi minuti presso le suddette strutture; che occorre dunque, per salvaguardare la pubblica incolumità, con provvedimento contingibile ed urgente: vieta ogni tipo di sparo in luogo pubblico di qualunque tipo di fuoco pirotecnico, benché di libera vendita, nel corso della notte tra il 31 dicembre ed il 1° gennaio p.v. a partire dalle ore 20.00 e fino alle ore 7.00 del giorno successivo". Le trasgressioni saranno considerate reati penali, quindi passibili di denuncia e multabili con un’ammenda fino a 500 euro.

Foto dal Web

giovedì 29 dicembre 2011

Studente scomparso, continuano ricerche attraverso Facebook


Ha compiuto ieri 24 anni Roberto Straccia, lo studente universitario originario dell'ascolano scomparso a Pescara dopo essere uscito a fare jogging lungo la spiaggia. Di lui non si hanno più notizie da ormai 16 giorni .
''Se non si può festeggiare oggi non fa nulla, importa solo poterlo rivedere presto - dichiarano Rita e Lorena Straccia, madre e sorella di Roberto a Tgcom24 - . Io non avevo notato nulla di strano, non si notavano problemi, era tranquillo. Non abbiamo alcuna idea su quanto possa essere successo, sicuramente è accaduto qualcosa, ma non sappiamo. Non crediamo all'allontanamento volontario - aggiungono - perché altrimenti non sarebbe uscito in abbigliamento per andare a correre''. Le due donne lanciano un appello: ''Chi lo vede chiami immediatamente, qualsiasi informazione può essere utile''. ''Il problema delle segnalazioni finora arrivate è che vengono fatte troppo tardi. Se qualcuno vede Roberto deve fermarlo e chiamare subito i carabinieri. Dalle indagini non è emerso nulla di strano''. Nel giorno del suo compleanno, gli amici hanno voluto 'festeggiarlo' con una nuova giornata di ricerche. E anche chi non lo conosce ha dimostrato la sua vicinanza facendogli gli auguri su Facebook. Sono numerosi, infatti, i gruppi creati sul social network per aiutare nelle ricerche del ragazzo, i più frequentati sono Aiutateci a trovare Roberto Straccia, che conta ormai 2.691 membri e la pagina Troviamo Roberto Scaccia con 1.957 membri. In tanti hanno lasciato post per gridare a Roberto 'Buon compleanno': "Auguroni, ti aspettiamo!!" ha scritto una ragazza, 'Il regalo più grande è quello che solo tu puoi fare a noi!! :(", scrive un altro utente sperando in un suo rientro a casa.

Via: Adnkronos

Riconosce il suo palpeggiatore su Facebook e lo fà denunciare


Pesantemente palpeggiata in discoteca da uno sconosciuto mentre era in compagnia delle amiche. La vittima dei presunti abusi è una diciassettenne bolognese che la sera del 20 novembre ha denunciato alla polizia quanto accaduto poco prima all'interno di un locale nel pieno centro di Bologna. L'uomo, dopo un mese di indagini, è stato identificato e denunciato. La giovane ha raccontato di essere stata presa di mira da un gruppetto di tre uomini, mentre si trovava con due amiche. Secondo il suo racconto sarebbe stata accerchiata dai tre e mentre due la tenevano ferma, il terzo l'avrebbe ripetutamente toccata nelle parti intime. La ragazza è riuscita a divincolarsi e a chiedere aiuto alle amiche, che hanno chiamato il 113. A quel punto però i tre si erano già dileguati. Alla scena però ha assistito un testimone che ha descritto il gruppetto e fornito particolari utili agli agenti. Dopo un mese gli agenti del commissariato Due Torri-San Francesco sono infatti riusciti a identificare il presunto molestatore, un meccanico bolognese di 48 anni, incensurato. I poliziotti, coordinati dalla Pm Alessandra Serra, sono arrivati a lui anche grazie a un colpo di fortuna. Qualche giorno dopo i fatti, la diciassettenne ha riconosciuto l'uomo in una foto pubblicata sulla pagina Facebook della discoteca per pubblicizzare la serata del 20 novembre. Un'altra indicazione preziosa è arrivata dal testimone che durante le molestie ha sentito il soprannome con cui gli amici chiamavano l'uomo. Il meccanico è stato rintracciato e identificato in foto dalla diciassettenne che successivamente l'ha riconosciuto in un confronto all'americana in questura attraverso uno specchio. Per lui è scattata una denuncia a piede libero per violenza sessuale su minore.

Fonte: Corriere della Sera

mercoledì 28 dicembre 2011

Gardens of Time miglior gioco sociale 2011 secondo Facebook


Facebook ha annunciato che il miglior gioco sociale del 2011 è stato Gardens of Time da Playdom dopo una valutazione che ha preso in considerazione la soddisfazione del giocatore e non il numero effettivo di giocatori impegnati con ogni titolo. Facebook sta rapidamente diventando una delle piattaforme di gioco più importanti del mondo, con Zynga capofila gli altri risentono della concorrenza da una serie di piccole aziende già affermati come Electronic Arts

Esperienze più complesse saranno costruite intorno alla meccanica sociale di Facebook che verrà lanciata nel 2012. I giochi più popolari di Facebook del 2011 sono: 1. Gardens of Time - Playdom 2. The Sims Social - By Electronic Arts 3. Cityville - Zynga 4. DoubleDown Casino - DoubleDown Interactive 5. Indiana Jones Adventure World - Zynga 6. Words With Friends - Zynga 7. Bingo Blitz - Buffalo Studios 8. Empires & Allies - Zynga 9. Slotomania-Slot Machines - Playtika 10. Diamond Dash -By wooga. 

I giochi Up-and-coming sono: 1. Battle Pirates - Kixeye 2. Dragons of Atlantis - Kabam 3. Gourmet Ranch - Rock You! Facebook ha aggiunto che il miglior gioco tra 50 e 100.000 giocatori è stato Super Slot Machines, creato da Davy Campano, David Livingston Kirby e Robby Campano, mentre Zynga Poker è stato il miglior gioco di casinò dell'anno. Quando si tratta di sport il vincitore è stato TopEleven - Be a Football Manager da Nordeus mentre la moda di nicchia è stato dominata da World Mall. 

"Il giocatore medio su Facebook ha giocato più di tre differenti titoli di gioco ogni mese e ha giocato più della metà dei giorni che ha visitato il sito. L'elenco mostra che l'innovazione nello spazio sta raggiungendo Silicon Valley e non solo. Le Apps sono stati costruite dagli sviluppatori di tutto il mondo da Seattle, Santa Monica, Canada, Germania, Giappone , Serbia e Praga", ha dichiarato Facebook in merito.

Fonte: Softpedia

Zuckerberg, vacanze Natale in Vietnam dove Facebook è vietato


Mark Zuckerberg ha trascorso le vacanze di Natale in Vietnam, uno dei paesi dove l'utlizzo del social network viene sottoposto a severe restrizioni dal regime comunista. Secondo quanto riporta il Sun, che pubblica una foto di Zuckerberg durante una passeggiata in montagna a dorso di un bufalo, il Ceo di Facebook è arrivato nel paese lo scorso 22 dicembre insieme alla fidanzata Priscilla Chan e a un gruppo di amici. 

Anche se un suo portavoce ha detto che il viaggio ''è a scopo puramente personale'', diverse fonti citate dal Sun sostengono che Zuckerberg sia in Vietnam anche per presentare il suo social network sotto una luce meno minacciosa. La Cina ha bloccato Facebook da luglio 2009 e ha anche chiuso Twitter e YouTube, anche se i giovani riescono a bypassare le restrizioni. 

Le limitazioni imposte a Facebook dal regime di Hanoi avevano provocato le reazioni del Dipartimento di Stato americano e di molte organizzazioni per i diritti umani. Secondo l'Huffingtonpost, Facebook aveva nel 2009 più di 1 milione di utenti in Vietnam, e il numero era cresciuto rapidamente da quando l'azienda aveva aggiunto una versione in lingua vietnamita del sito. 

La maggior parte degli utenti di Facebook in Vietnam utilizzava il sito per comunicare con amici e familiari, e per espandere la propria rete sociale, condividere foto, link Internet e blog. Insomma tutte le consuete attività svolte sul social network. 

All'inizio di quell'anno, il governo del Vietnam aveva rafforzato le restrizioni sui blog, il divieto di discussione politica e limitato i messaggi per questioni personali. La polizia aveva anche arrestato diversi blogger per aver scritto su argomenti politicamente sensibili. Il Vietnam ha seguito le orme della Cina, il suo vicino massiccio del nord, con il quale condivide un sistema economico e politico simili.

Via: ASCA
Foto: ANSA

martedì 27 dicembre 2011

Facebook Timeline Cover: come personalizzare il proprio diario di Fb


Dopo il lancio globale di Facebook Timeline, sul Web hanno iniziato a moltiplicarsi le app con raccolte di immagini da scaricare ed applicare come copertina del proprio Diario, con la giusta risoluzione e la giusta dimensione. Tra questi spicca Facebook Timeline Cover che propone una serie di interessanti foto, permettendo di impostarle come copertine del profilo in un semplice click e di crearne altre. Per aggiungere un'immagine non bisogna far altro che permettere all'applicazione di accedere al profilo Facebook ed iniziare a cercare tra l’ampio archivio fotografico.


Passate il mouse sopra l'immagine scelta e fate clic sul pulsante "Choose", così la foto scelta per la copertina verrà inviata alle vostre foto su Facebook. La cover verrà inserita in un album creato da questa applicazione, intitolato "Timeline Cover Photos". Dopo aver scelto una copertina da questa applicazione, andate al vostro profilo Timeline e cliccate sul pulsante "Add Cover", a destra della vostra immagine del profilo.  Se avete già una copertina, dovreste scegliere l'opzione "Cambia Copertina" che appare quando si passa sopra la vecchia cover.


Selezionate dal menu "Scegli dalle foto", che aprirà una raccolta di immagini recenti. La vostra nuova Cover dovrebbe essere la prima immagine della collezione. Cliccate su quella foto e la Cover Timeline sarà cambiata con la nuova foto. Fate clic su "Salva modifiche" per completare il processo. A volte si desidera essere unici e l'app offre un modo per personalizzare molte delle copertine in catalogo. Quando si passa sopra la miniatura di una cover, se appare un pulsante "Personalize!", significa che è possibile aggiungere o modificare il testo sulla copertina.


Fate clic su questo pulsante e la cover riempirà l'area di anteprima nella parte superiore della pagina, insieme a un editor a sinistra sotto di essa. Digitate un nuovo testo e regolate la dimensione del carattere o lasciate in bianco e fate clic su "Use as Cover" quando avete completato. Se pensate che i vostri amici desiderino utilizzare una particolare copertina è possibile condividerla con loro. Passate il mouse sopra una miniatura della cover per far apparire il pulsante "Share". Cliccate su di esso e la copertina verrà inserita in un messaggio che si potrà inviare ai propri amici su Facebook.

Via: Faccialibro

lunedì 26 dicembre 2011

Gli auguri di Natale dei vip corrono ora su Facebook e Twitter


La moda del momento è fare gli auguri di buone feste sui social network. Anche i vip scelgono Facebook o Twitter per augurare a tutti un felice Natale. Un modo semplice e diretto per stare vicino ai fans in questo periodo natalizio. Mentre Fabio Volo scrive che a Natale lo si troverà solo su Twitter, Vasco Rossi rimane fedele a Facebook e dalla sua pagina fa gli auguri a modo suo, postando una cartolina raffigurante la macchina di Diabolik, per l'occasione rossa anziché nera e trascinata dalle renne. 

Fiorello, da fantastico mattatore quale è, regala sorrisi anche a Natale; twittando infatti si lamenta della pesantezza della pasta al forno della mamma che "dovrebbe essere illegale...come la marjuana". Elisabetta Canalis saluta tutti i suoi followers, scrivendo su Twitter: "Auguri, auguri, auguri a tutti voi che oggi vi siete ricordati di farmeli". Alessandro Cattelan, conduttore di X-factor, twitta: "Smettetela di fare finta di odiare il Natale...Auguri a tutti! Buon compleanno Gesù". 

La lista dei vip che sentono il bisogno di fare auguri telematici è davvero lunga: Nicola Savino su Twitter augura Buon Natale, ricordando che ormai ha "un panettone tatuato dentro la pancia". Melissa Satta, oltre all'immancabile augurio, spera nell'arrivo di Santa Claus e twittando scrive: "Chissà se Babbo Natale passa anche di qui! Io biscotti e latte caldi li ho lasciati vicino al camino". 

Jovanotti invece preferisce non farsi mancare nulla e raddoppia augurando buone feste sia su Facebook sia su Twitter. Sul versante internazionale, non da meno le cantanti Kylie Minogue e Adele, anche loro pronte ad usare il social network per un rapido augurio. Lady Gaga si affida a Twitter e, ricordando l'uscita del suo ultimo lavoro "Take you out", augura a tutti "Merry Christmas!"



Via: TG Com

Frank e Robert: rap, motocross e il nastro nero su Facebook


Avevano deciso di trascorrere la notte della vigilia di Natale in un locale di un paese vicino, ma i loro sogni, le loro speranze nel futuro e le loro vite sono finite su un viadotto, spezzate dallo scontro dell’auto sulla quale viaggiavano contro un’altra auto. Quattro giovani ed una ragazzina di 15 anni sono morti così, poco dopo la mezzanotte del giorno di Natale, lungo la statale 107 Silana-Crotonese, una strada non nuova ad incidenti mortali. A San Giovanni in Fiore, grosso centro di 18 mila abitanti della Sila cosentina, un giorno di festa si è trasformato in un giorno di lutto e di dolore per una strage della strada. Robert Laurenzano, di 20 anni, il fratello Frank, di 22, Domenico Noce (20), Samuel Crivaro (21) e Emanuela Palmeri, di 15 anni, erano amici. I fratelli Laurenzano erano nati in Francia, dove il padre era emigrato da giovane prima di tornare a San Giovanni in Fiore ed aprire un’attività di gommista dove lavoravano i figli. Robert era appassionato di motocross e disputava anche alcune gare. Con il fratello era appassionato di rap. Adesso, sul suo profilo Facebook tanti suoi amici hanno listato a lutto la propria immagine con un nastro nero. Domenico Noce era impiegato in una piccola azienda, mentre Samuel Crivaro faceva il manovale. La ragazzina, invece, andava ancora a scuola. Il sindaco, Antonio Barile, in segno di lutto ha deciso di sospendere tutte le iniziative programmate dall’Amministrazione per le feste Natalizie sino al funerale, che non è stato ancora fissato. Ed anche la festa in piazza organizzata per l’ultimo dell’anno è in forse. A rendere surreale San Giovanni in Fiore, dove oggi i locali sono chiusi e le strade sono deserte, la nevicata che ha ammantato di bianco tutto il paese.

Via: La Stampa

domenica 25 dicembre 2011

A breve possibile inviare messaggi privati a Pagine Facebook


Facebook sta testando un nuovo strumento per gli amministratori delle pagine che a prima vista appare come un ripristino di qualcosa già disponibile in passato, cioè la possibilità di scambiare messaggi privati ​​con i membri della rete sociale. Il social network ha recentemente revocato la capacità agli amministratori pagina di inviare messaggi a singoli utenti, mentre questa funzione consente alle pagine di ricevere messaggi da singoli utenti attraverso un link sulla pagina.

Il tasto permette anche alle persone che non sono ancora fan di inviare messaggi all'amministratore, cosa non era disponibile nella precedente versione di messaggistica per le pagine. We Are Social Singapore e Wise, ha riferito sulla nuova funzionalità, dicendo che quest'ultima è emersa in Asia. Inoltre, ha precisato che la messaggistica privata per le pagine non è ancora disponibile ovunque.


Per quelle pagine incluse nel test, un pulsante nuovo messaggio appare ora in cima alla pagina. Cliccando su di esso si produce una finestra di dialogo nella quale gli utenti di Facebook - siano essi fan della pagina o non - possono accedere per inviare messaggi privati ​​agli admin della pagina. Gli amministratori ricevono le notifiche sulla ricezione dei messaggi privati sotto il loro menu di amministrazione.

Cliccando sul link viene fornita una panoramica dei messaggi privati ​​che hanno ricevuto, dopo di che può rispondere privatamente, o rispondere ai commenti degli utenti sulle loro bacheche. Le notifiche appariranno con altre notifiche generali per coloro che navigano come una pagina di Facebook. I messaggi sono formattati nello stesso modo in cui appaiono i messaggi tra utenti di Facebook, e sembrano essere identici ai messaggi che riceverebbero dai loro amici.

Fonte: We Are Social
Via: All Facebook

Pranzo di Natale, indagine su Facebook rivela gaffe più comuni


Pranzi e cenoni di Natale sono a rischio gaffe per ben 7 italiani su 10, che non conoscono le regole piu' elementari del galateo e dell'accoglienza dell'ospite. Solo 2 italiani su 10 conoscono il giusto posizionamento dei commensali a tavola e 1 su 3 non sa come comportarsi correttamente quando si ricevono gli invitati, specialmente durante l'aperitivo. E' quanto emerge da uno studio realizzato da Sanbitter e condotto su 1300 italiani, tra i 20 e i 65 anni, attraverso un monitoraggio online sui principali social network - Facebook, Twitter, YouTube - blog, forum e community interattive, per sondare come si comportano gli italiani nei ricevimenti di Natale. Il 25% dei padroni di casa farebbe sedere i propri ospiti subito a tavola, mentre il 46% non organizza un breve aperitivo o rinfresco. E nella scelta del tipo di pietanze da presentare a tavola, i padroni di casa erroneamente puntano piu' sulla quantita' che sulla qualita'. La disposizione degli ospiti a tavola e' spesso lasciata al caso (57%), con 1 italiano su 3 (34%) che non vorrebbe mai mettersi accanto a persone che non conosce per evitare gaffe e imbarazzi. Da evitare assolutamente la presenza sulla tavola di candele profumate (32%), cesti di pane (39%) e telefonini (47%). Ma chi sono gli ospiti graditi che gli italiani vorrebbero a tavola? Tra gli uomini, quest'anno il piu' desiderato e' Fiorello (54%), che colpisce per la sua compostezza e educazione seguito da Mario Monti (42%), dal quale si vorrebbero utili consigli per ristabilire l'economia domestica, e dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, da cui ricevere saggi consigli sulla vita (34%). Tra le donne, invece, trionfa Maria De Filippi (51%) seguita da Ilary Blasi, cercata per la sua spontaneita'.

Via: ANSA
Foto dal Web

Facebook cerca esperti marketing per potenziare uffici italiani


Dopo il debutto della nuova interfaccia Timeline e mentre il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, lavora per preparare una delle initial public offering più attese di sempre, il social network investe ancora sul marketing. Per il prossimo anno il social network ha già annunciato una maggiore visibilità delle Sponsored Stories. La mossa garantirà nuove entrate al colosso di Palo Alto, ma anche interessanti opportunità di lavoro.

Infatti, proprio in questi giorni, la sede milanese di Facebook, cerca esperti di marketing per potenziare i propri uffici commerciali. "Siamo ossessionati con i social media e la strategia di business, per cui passiamo il nostro tempo a creare partnership strategiche e di lavoro con alcune delle aziende più interessanti e marche.

Se l'idea di rappresentare Facebook in un settore in crescita con un pò di pazzia ti emoziona, allora dovreste far parte del nostro team", si legge sulla pagina Sales & Business Development di Facebook. Oltre ad un’ottima conoscenza dell’inglese, è richiesta una buona esperienza nelle vendite, una forte passione per i media e una grande capacità di comunicazione.

La candidatura deve essere inviata ovviamente a mezzo Facebook, collegandosi a questa pagina. Il curriculum deve essere inoltrato in lingua inglese. Ma Facebook non è il solo gigante del Web ad avere necessità di assumere personale.

Anche Google, infatti, cerca nuovi dipendenti nel settore commerciale proprio per la sede di Milano. Per gli appassionati del settore, insomma, si tratta di un’occasione d’oro, da cogliere al volo, che offre, oltre ad un ottimo impiego, anche un trampolino privilegiato verso un’ottima crescita professionale individuale.



Via: Il Sole 24 Ore

sabato 24 dicembre 2011

Comportamenti da evitare per non perdere amici su Facebook


Secondo una ricerca sui fattori che influenzano gli utenti dei social network ed in particolare di Facebook, ad accettare o cancellare qualcuno dai propri contatti, ciò che conta di più è la conoscenza nella vita reale. L'attrazione fisica è ininfluente, mentre incidono l'argomento e il tono dei commenti. Lo ha scoperto una ricerca della Nielsen e McKinsey che ha intervistato piu' di 1.800 adulti americani sulle cause piu' frequenti di cancellazione degli amici da Facebook. 

Secondo i risultati dell'indagine, non sono graditi agli utenti i commenti offensivi (55%) e anche questo rappresenta uno dei motivi per cui si potrebbe essere depennati, insieme al tentativo di vendere qualcosa (39%) e alla mancanza di interazioni con gli altri (20%). 

Le separazioni o i divorzi sono per l'11% degli intervistati un buon motivo per far uscire dalla lista il coniuge depennato, in questo caso, dal matrimonio, mentre un eccessiva foga nell'aggiornare il proprio profilo potrebbe, secondo il 6% dei navigatori, creare insofferenza agli amici e quindi fuori dalla lista. Infine, la tendenza ad aggiungere altri amici, per un 6% e' sgradita e viene punita con l'uscita dal circuito degli amici. 

Un'altro aspetto su cui fà luce il sondaggio è l'utilizzo che gli utenti fanno di Facebook. L'esigenza di rimanere in contatto con la famiglia (89%) e la voglia di ritrovare vecchi amici (88%) guidano la classifica. Segue la curiosità di cercare nuove conoscenze (70%). 

Gli utenti a caccia di prodotti e servizi utilizzano il social network per leggere i feedback di altri utenti e raccogliere informazioni prima di un acquisto. Per quanto riguarda, invece, l'intrattenimento e gli stili di vita, il 47% degli utenti si collega a Facebook per giocare, il 35 per seguire qualche celebrità e il 16 per trovare l'anima gemella.

Fonte: La Repubblica
Via: Blitz Quotidiano

venerdì 23 dicembre 2011

Facebook è termine di ricerca più cliccato sul Web nel 2011


Per il terzo anno di seguito Facebook si conferma la parola più cercata su internet dell'anno. Secondo Experian Hitwise, una società che raccoglie dati sulle tendenze online e il comportamento degli utenti direttamente dai fornitori di servizi internet, il nome del social network di Mark Zuckerberg è comparso nel 3,1 per cento di tutte le ricerche online del 2011, con un incremento del 46 per cento rispetto all'anno precedente. 

E prendendo in considerazione varianti del temine, come "Facebook Login", "Facebook.com" e "www.facebook.com", al il gigante di Palo Alto è riferito il 3,48 per cento delle ricerche online. 

Le quattro varianti per fare riferimento al social network compaiono tra i dieci termini più cercati del 2011 (rispettivamente in prima, terza, quinta e ottava posizione), mentre al secondo posto c'è il sito di video YouTube, con l'1,36 per cento delle ricerche (in aumento del 21 per cento rispetto al 2010), al quarto c'è il sito di inserzioni Craigslis e al sesto c'è Yahoo! che compare anche in decima posizione con la versione "yahoo.com".  

Secondo Experian Hitwise, Facebook è anche in cima alla classifica dei siti internet più visitati, con quota 10,29% del totale delle visite alle pagine web. Al secondo posto c'è il motore di ricerca Google che ha attirato il 7,7 per cento del totale delle visite e al terzo posto c'è YouTube. 

Considerando che YouTube è di proprietà di Google, sommando le visite ai due siti, il colosso di Mountain View supera il social network con una quota cumulativa del 22 per cento delle visite online. Infine, Hitwise ha anche selezionato i personaggi pubblici più cercati nel 2011, in ordine: Justin Bieber, Casey Anthony, Kim Kardashian, Nicki Minaj, Selena Gomez e Charlie Sheen.

Fonte: TM News

Suggested Events, Facebook lancia funzione eventi consigliati


Facebook sta testando una nuova funzione chiamata Suggested Events. La funzionalità, (https://www.facebook.com/events/suggestions/) presente anche nella versione italiana della piattaforma, sostituisce la precedente Eventi degli amici, rispetto alla quale mostra tutti gli eventi che potrebbero interessare l’utente in base ai gusti personali. Suggested Events è raggiungibile anche sulla home page del proprio profilo. In questo caso viene effettuata la sostituzione della voce Eventi amici con gli eventi proposti, sotto la scheda Eventi.

Arriva l’app Facebook del Parlamento Ue per libera espressione


L'Europa sbarca sui nuovi strumenti di comunicazione per difendere i diritti fondamentali. Il Parlamento europeo ha lanciato un'applicazione su Facebook che simula l'interazione tra gli utenti del social network in assenza di diritti umani e di liberta' di espressione per evidenziarne il valore fondamentale nella nostra societa'. "La tua cartolina natalizia inviata a Tanja e' stata censurata", recita l'applicazione del Pe 'without freedom' (senza liberta') su Facebook (https://sakharov.epsocial.eu/freedom/). "Il dipartimento per l'etica di Stato ha dichiarato la propaganda cristiana un crimine", continua l'app che si ispira al premio Sacharov per la liberta' di pensiero assegnato ogni anno dall'Eurocamera.



Il Parlamento ricorda, infine, l'importanza dello specifico diritto di cui si e' simulata l'assenza: ''Senza il diritto di liberta' religiosa praticare la propria fede e possedere simboli religiosi potrebbe mettervi in una situazione pericolosa". Cosi' come la chat con un amico potrebbe essere intercettata: "Senza liberta' di espressione puoi essere monitorato mentre contatti gli amici", ricorda l'Europarlamento. "Ci piace sperimentare - racconta Raffaella De Marte - la social media coordinator del Pe - e con i social media il costo delle azioni, delle strategie e' piu' basso che su altri media". L’Europarlamento è arrivato sui social media nel 2009 in seguito ad una crisi di partecipazione.

Via: ANSA

Facebook diventerà una blue chip, lo conferma Mark Zuckerberg


Negli ultimi 18 mesi Mark Zuckerberg, fondatore e amministratore delegato di Facebook, si è impegnato per trasformare il social network in una blue-chip. Riluttante inizialmente all'idea della quotazione in borsa - per il timore che la cultura aziendale passasse a focalizzarsi sul prezzo delle azioni invece che sul prodotto - Zuckerberg ha cambiato idea per via delle legge federale che rende obbligatoria la pubblicazione della rendicontazione per le società con più di 500 azionisti.

Per prepararsi all'Ipo, che dovrebbe avvenire nel secondo trimestre del 2012, il numero uno di Facebook ha guardato alla storia dei giganti della Silicon Valley. "C'era un tempo in cui lo scopo di Microsoft era mettere un computer su ogni scrivania", ha detto Zuckerberg al Wall Street Journal, "questo è il modo in cui voglio gestire Facebook. Vogliamo lavorare in modo da avere una visione più ampia su dove dovrebbe andare il mondo".

E per preparasi all'Ipo, che, valutando Facebook oltre 100 miliardi di dollari, potrebbe raccogliere fino a 10 miliardi di dollari, Zuckerberg ha prima di tutto costruito una forte squadra di dirigenti, molto diversa da quella degli esordi del social network nel 2004. Tra le figure chiave ci sono Sheryl Sandberg, che ha lasciato Google nel 2008 per diventare direttore operativo di Facebook e David Ebersman, direttore finanziario dal 2009, che sta curando l'offerta pubblica iniziale e i rapporti con le banche.

Facebook sembra davvero sempre più vicina all'Ipo, ma Zuckerberg vuole andare oltre. "Per definizione una blue chip è una società che ha una reputazione nazionale per qualità, affidabilità e per la capacità di essere redditizia in tempi favorevoli o sfavorevoli", ha detto l'ad, "ma io spero che la nostra reputazione non sia solo nazionale".

Fonte: TM News

giovedì 22 dicembre 2011

Facebook costretto a piegarsi alle richieste del garante irlandese


Facebook entro sei mesi rivedrà i suoi servizi in Europa dopo l'esame riguardo alla gestione dei dati personali a cui è stato sottoposto dall’organo di garanzia dell'Irlanda. Facebook ''ha accettato di introdurre numerosi miglioramenti'' al suo servizio che sarà oggetto di una revisione formale a luglio, riferisce l'agenzia irlandese di protezione dei dati, al termine di una procedura di controllo durata tre mesi. 

''E' stato un impegno stimolante sia per il mio ufficio sia per Facebook Irlanda'', spiega Billy Hawkes, commissario dell'agenzia irlandese. Dal rapporto emerge che è necessario ''aumentare la trasparenza e i controlli riguardo all'uso dei dati personali a fini pubblicitari''. Positiva anche la replica dei vertici di Facebook: 

"Siamo lieti che il rapporto dimostra come Facebook aderisce ai principi europei di protezione dei dati ed è conforme al diritto irlandese. Naturalmente l’audit mette in evidenza alcune aree in cui possiamo migliorare". L'agenzia ha cominciato tre mesi fa la revisione di Facebook in conformità con le norme sulla protezione dei dati dell'Irlanda e dell'Unione europea. Il social network da parte sua si è dichiarato disponibile a migliorare la comunicazione agli utenti su ciò che accade quando cancellano o rimuovono un contenuto e a semplificare le spiegazione riguardo alla privacy. 

Le novità riguarderanno principalmente forme di avviso e protezione per i dati e la pubbblicità, con condizioni più chiare che forniranno agli utenti maggiori possibilità di sapere come vengono utilizzati dal sito e da altri utenti i contenuti immagazzinati. La richiesta di controllo arriva anche alla luce di una denuncia di alcuni internauti austriaci che avevano lamentato che Facebook creasse una serie di "profili ombra" a partire da dati reali, per far lievitare il numero di utenti registrati a fini pubblicitari.

Via: Adnkronos

Sponsored Stories Facebook nel News Feed da gennaio 2012


A partire da gennaio 2012 Sponsored Stories troverà spazio nel News Feed della home page degli utenti. Questi annunci vengono creati quando un amico o un utente interagisce con un Like o commenta su una Pagina business. In precedenza erano relegati alla barra laterale accanto al Ticker. Gli annunci verranno visualizzati solo una volta al giorno e gli utenti non potranno fare opt out, anche se ogni annuncio potrà essere individualmente nascosto nel feed.

Al momento del lancio gli annunci non verranno visualizzati sulle versioni mobili di Facebook. Mescolandoli con il contenuto sociale sulla home page del sito, saranno molto più evidenti e quindi più preziosi per gli inserzionisti. La parola "sponsorizzati" apparirà in grigio in basso a destra delle Notizie. Dato che Facebook ha circa 400 milioni di utenti collegati al giorno, potrebbe aumentare il suo inventario quotidiano di annunci fino a 200 milioni di impression.

Questa espansione potrebbe ridurre i prezzi degli annunci e la domanda degli inserzionisti per Sponsored Stories potrebbe far da compensazione. Facebook non ha specificato se gli inserzionisti avranno la possibilità di richiedere specificatamente il posizionamento nel news feed. Studi hanno dimostrato che gli annunci pubblicitari su sidebar hanno un click del 46% superiore rispetto al tasso di annunci tradizionali, e ci si può aspettare che il CTR di Storie sponsorizzate nel news feed potrà per essere ancora più alto.

Il lancio di Sponsored Stories News Feed potrebbe anche essere un punto di svolta per la pubblicità online. Con il posizionamento di primo piano su uno dei siti più visitati del mondo e gli sponsor con i volti e le attività degli amici, Sponsored Stories Facebook potrebbe contribuire a rubare spesa pubblicitaria di ricerca a pagamento e visualizzazioni tradizionali come Google AdWords e AdSense.

Fonte: Tech Crunch

Segretario di Cgil Calabria: minacce terroristiche su Facebook


"Quanto pubblicato sul social network Facebook, nel gruppo Salviamo il Porto di Gioia Tauro", riguardante la vertenza del porto, a firma di due rappresentanti del sindacalismo autonomo, e' un atto indegno nei confronti della Camera del Lavoro Gioiese e della Cgil tutta". Lo afferma, in una nota, Sergio Genco, segretario generale della Cgil Calabria, che aggiunge: "Rappresenta una vera e propria intimidazione di stampo 'ndranghetista e terrorista che, attraverso l'utilizzazione di immagini inquietanti - un caricatore di proiettili e il corpo del sindacalista CGIL Guido Rossa, trucidato dalle brigate rosse - seguite da parole farneticanti - lanciano una minaccia a tutti coloro che dell'azione sindacale hanno fatto una scelta di vita per la difesa della condizione dei lavoratori e delle lavoratrici. Tale atto vigliacco - continua Genco - non puo' passare sotto silenzio e la Cgil, come ha sempre fatto, in tutte le forme e sedi opportune difendera' la liberta' e la democrazia nei posti di lavoro, cosi' come hanno insegnato tutti coloro che hanno immolato la propria vita , come Guido Rossa, per la causa dei lavoratori. La Cgil tutta - continua - non si lascera' intimidire da nessuno e continuera' con rinnovata forza, con il coinvolgimento delle forze sociali, politiche, istituzionali e dei lavoratori, ad esprimere le proprie posizioni a garanzia degli interessi generali di sviluppo del porto di Gioia Tauro e di rappresentanza e tutela dei lavoratori. Chiediamo alla Magistratura competente di non sottovalutare quanto e' accaduto e richiamiamo lo stesso Sul ad intervenire per allontanare quanti, con i loro gesti e le loro parole, offendono tutto il mondo del sindacalismo democratico e libero".

Fonte: AGI

Test sopravvivenza in un liceo, senza Facebook per sette giorni


"Mia mamma non ci credeva, invece ce l´ho fatta". Dopo sette giorni senza mandare sms e chattare in Facebook, Caterina esulta. E scatta l´orgoglio della seconda A del Righi. Si sentono quasi eroi, quelli che possono stare senza tv-computer-telefonino, i sopravvissuti, i protagonisti di un digiuno impossibile, almeno agli occhi degli adulti. 

"Che soddisfazione", dicono ora alla professoressa di Lettere, Matilde Maresca. È lei che ha lanciato la sfida: l´astinenza dalle nuove tecnologie, quelle da cui si sentivano più dipendenti, per una settimana. Al rientro dalle vacanze di Natale faranno un giorno a settimana, a rotazione, di black out: chi spegnerà la tv, il pc o il cellulare, chi non giocherà alla 'play' per 24 ore. 

Così sino alla fine dell´anno. È la rivincita della Net generation. Ma a mezzanotte e un minuto di domenica, quando la prova è terminata, che è successo? Diego risponde per tutti: "Dormivamo". Ma qualcuno rompe gli indugi. Lorenzo confessa: "Mi sono messo su un cd degli Iron Maiden, il metal a cui avevo rinunciato, è la mia debolezza. A volume basso, però". 
Federico ha acceso il computer: "Non potevo rinunciare a sapere cosa era successo nella pagina di Lady Gaga". Difficile è stato organizzarsi per la serata o la partita a basket: chi ha rispolverato il telefono di casa, chi si è perso qualche amico all´appuntamento. "Almeno ci siamo confrontati tra persone reali", osserva Filippo. 

Ci tengono a non sentirsi diversi. "Non siamo cambiati, mica siamo diventati hippies! Solo che ora sappiamo usare più responsabilmente il telefonino o il computer". Non rinunceranno a chattare o agli sms, certo che no. "Ma non era questo lo scopo", osserva l´insegnante. "L´idea era proporre un uso più consapevole delle tecnologie".

Tratto da: La Repubblica (Bologna)
Articolo di Ilaria Venturi

mercoledì 21 dicembre 2011

Facebook lo cancella e lui cambia il nome in Mark Zuckerberg


Facebook contro Mark Zuckerberg. Ma non si tratta del suo creatore ma di un omonimo voluto. E' l’ultima battaglia legale in cui è impegnata l’azienda di Palo Alto. Facebook ha denunciato Mark Zuckerberg, un cittadino israeliano una volta conosciuto come Rotem Guez che ha cambiato nome per indispettire l’omonimo amministratore delegato del social network. Tutto è iniziato quando Guez ha avviato la pagina “The like store”, un servizio dedicato alle aziende per comprare “Mi piace” e aumentare il numero di fan in cambio di denaro. La mossa non è piaciuta ai vertici di Facebook, che hanno scritto una lettera di avvertimento al fondatore del LikeStore. Di contro Rotem Guez aveva denunciato Facebook per aver cancellato il suo profilo di punto in bianco. Guez, indispettito, ha ufficialmente preso il nome di Mark Zuckerberg il 7 dicembre 2011 con l'accettazione del Ministero dell'Interno isrlaeliano, affermando di voler far cambiare cognome a tutta la sua famiglia e, quando ha modificato il suo profilo, è scattata la denuncia dal social network. MarkZuckerbergOfficial.com è infatti il sito di Guez che ha co-fondato una società di social marketing che vende alle aziende i Like proprio su Facebook. “La nostra priorità è proteggere gli utenti”, ha spiegato Andrew Noyes, portavoce di Facebook, “e interverremo contro chiunque altro violerà il regolamento”. Ma Guez non è d’accordo e ha dichiarato: “Facebook non ha il diritto di cacciarmi”. Forse anticipando il clamore che una notizia del genere avrebbe avuto sui mezzi di comunicazione, Guez ha voluto cavalcare l'onda per attirare attenzione sia sul sito (che è ancora in piedi e funzionante) che sulla pagina Facebook “I'm Mark Zuckerberg e Twitter @iMarkZuckerberg dove ha pubblicato la sua nuova carta di identità e passaporto.



Fonte: La Stampa
Via: TM News (Primaonline)

Salute: sondaggio su Facebook per sapere se si mangia bene


Un software adattato a Facebook e sviluppato in 6 lingue (italiano, inglese, portoghese, tedesco, spagnolo e francese) per capire quanto e' diffusa la dieta mediterranea, considerata da sempre dagli studiosi come un prezioso antidoto all'insorgere delle malattie cardiovascolari. E' il questionario, composto da 11 domande, messo a punto dagli istituti di informatica e telematica e di fisiologia clinica del Cnr di Pisa per i milioni di utenti del social network. Una volta completata l'indagine, l'utente ricevera' un voto da 1 a 10 che sancisce il suo attenersi o meno alla dieta mediterranea ottenendo cosi' in modo gratuito e anonimo uno strumento di prevenzione. ''Il software applicato a Facebook - spiega Alessandro Pingitore dell'istituto di fisiologia clinica del Cnr - ci consente di arrivare a soggetti sani e giovani dei quali possiamo studiare lo stile di vita. La dieta mediterranea e' il primo passo di un'osservazione che comprende anche lo stress, l'esercizio fisico e la qualita' del sonno. In questo modo e' possibile fare prevenzione primaria ma anche studiare la vulnerabilita' alle malattie delle persone in relazione allo stile di vita''. L'applicazione e' reperibile all'indirizzo http://apps.facebook.com/dietamediterranea/ ''ed e' facile da utilizzare - precisa Marina Buzzi ricercatrice dell'istituto di informatica e telematica - perche' si chiede agli utenti la frequenza con cui si mangiano gli alimenti basilari della dieta mediterranea come pane, pasta, verdura, frutta, carne e si chiede anche la quantita' di bevande alcoliche assunte durante i pasti''. Il responso 'diagnostico' sara' inviato agli utenti mediante un post nella loro pagina Facebook.

Fonte: ANSA
Foto dal Web

martedì 20 dicembre 2011

Facebook completa il trasferimento da Palo Alto alla sede di Menlo Park


I dipendenti di Facebook hanno appena concluso il trasferimento in un campus alla periferia della città californiana di Menlo Park, poco lontano dal mare. È organizzato come un open space, ispirato all'esperienza degli studenti nei vicini atenei: gli sviluppatori software possono spostarsi con i laptop alla mano, riunirsi in gruppi di lavoro, accedere a internet con le connessioni wireless.

Il trasferimento è stato ripartito su tre fasi separate. Il primo, costituito da circa 500 dipendenti, è iniziato a metà agosto. Nelle ultime due settimane sono stati spostati i dipendenti rimasti, tra cui il team di progettazione e molti dirigenti. In particolare, la seconda ondata è stata due settimane fa e la terza ondata lo scorso fine settimana. Pochi muri divisori e molti divani.

Hanno una piazza centrale, come in una piccola città. Il campus è disseminato di angoli cottura e distributori con snack gratuiti. La superficie è di 93mila metri quadrati: i lavori hanno richiesto un investimento di 250 milioni di dollari. Facebook prevede una rapida espansione nei prossimi anni e ha scelto di abbandonare l'edificio nella vicina Palo Alto, ormai troppo limitante.

Il nuovo campus è in grado d’ospitare i 2.000 dipendenti che Facebook ha deciso di collocare a 1601 Willow Road. Facebook ha operato fuori da Palo Alto dal giugno 2004, quattro mesi dopo che la società è stata fondata da Mark Zuckerberg nella stanza dormitorio dell'Università di Harvard.

Nel febbraio del 2011, Facebook ha annunciato l'intenzione di trasferirsi a Menlo Park in modo da poter avere più spazio per il numero rapidamente crescente di dipendenti. Il gigante del social networking ha firmato un contratto di locazione di 15 anni sul vecchio campus di Sun Microsystems, rinominandolo come "Hacker Way", in precedenza "Network Circle".

Fonte: ZD Net
Via: Il Sole 24 Ore

Lega figlia con nastro: choc su Facebook, indaga polizia Chicago


La Polizia di Chicago sta indagando la pubblicazione su Facebook di una foto inquietante che mostra una bambina con le mani e le gambe legate e la bocca coperti con del nastro adesivo. L'immagine è stata recentemente pubblicata sulla pagina Facebook di Andre Curry, un 21enne di Chicago. La foto ha la notazione: "Questo è accaduto quando la mia bimba mi ha colpito di nuovo. ; )". Con una soffiata anonima la foto, postata a luglio, è iniziata a circolare nei giorni scorsi ed è arrivata alla polizia che adesso ha aperto un'indagine per verificare l'esistenza di maltrattamenti o violenze di Curry nei confronti della sua bimba.  La scorsa settimana, è apparsa su siti web come TheDirty.com e The Smoking Gun. Un portavoce della Polizia ha detto al TSG che "vi sono indagini in corso". Curry non ha commentato la questione sul suo profilo Facebook (dove le foto sono disponibili solo agli amici). Ore dopo l'originaria pubblicazione della foto, un amico su Facebook di Curry ha scritto, "andrai in prigione". Da quando l'immagine si è diffusa su internet, gli utenti arrabbiati hanno preso di mira la pagina di Curry. Un commentatore chiama Curry "violentatore della figlia". Cobbins, residente a Chicago, ha detto al TSG che probabilmente Curry ha voluto solo "giocare", aggiungendo che, "Io non direi che abbia abusato di minori. Curry non farebbe mai male a nessuno". Pur rilevando che l'immagine è andata "un pò troppo lontana", ha aggiunto e che Curry "giocava con la sua bambina. Anche se le persone giocano in modo diverso con i figli". In una intervista telefonica, la nonna di Curry ha detto che egli è padre di una giovane figlia, ma ha aggiunto che lei non sapeva nulla della foto su Facebook.

Via: Daily Mail

Sponsored Stories, nuova grana privacy Facebook sulla pubblicità


Nuovi grattacapi riguardo la privacy per Facebook, che rischia ulteriori problemi in seguito alla funzione 'Mi piace' (Like) che mostra le preferenze, quali prodotti piacciono o non piaccono, agli amici. Cioè le 'Sponsored Stories', ovvero le notizie sponsorizzate dalla propria rete di contatti.

Un giudice della California, riporta il Financial Times, ha rigettato il tentativo di Facebook di accantonare un caso in cui il colosso del social network viene accusato di violare la legge californiana in base alla quale vip e comuni cittadini hanno il diritto di controllare come i loro nomi e le loro immagini vengono usate per approvare e appoggiare pubblicità di prodotti. Con la funzione 'Like' si esprimono preferenze su prodotti pubblicizzati su Facebook e gli amici vengono messi a conoscenza delle preferenze espresse.

Con questa nuova soluzione Facebook sfrutta al massimo il potere del passaparola e porta all’attenzione quei brand ai quali gli utenti hanno già offerto il loro consenso. Secondo alcuni studi con questa modalità una pubblicità viene ricordata molto meglio e questo crea valore per i pubblicitarì sul Web e per Facebook che vende spazi pubblicitari sulle proprie pagine.

La decisione della corte di San José, California, arriva a tre settimane di distanza dall’accordo fra Facebook e la Federal Trade Commission per risolvere una disputa sulla privacy e mostra come il tema continua a creare problemi al social network che si preparara allo sbarco in Borsa. Il giudice Lucy Koh ha stabilito che i querelanti reclamano "logicamente" di voler essere parte dei guadagni pubblicitari per il sostegno anche involontario di una pubblicità.

Via: ANSA

lunedì 19 dicembre 2011

News Feed, personalizzare la Sezione Notizie e le Sottoscrizioni


A novembre Facebook ha annunciato delle modifiche alla sezione Notizie del News Feed. Adesso è possibile scegliere come elencare le notizie, ovvero se visualizzare le notizie in evidenza per prime o le notizie recenti. Fate clic sul menu ORDINA in alto a destra della sezione Notizie per modificare l'ordinamento delle notizie. Notizie in evidenza per prime:

Le Notizie in evidenza che non hai ancora visualizzato compariranno nella parte superiore della sezione Notizie. Se non visualizzi le notizie in evidenza, vuol dire che non ne è stata pubblicata nessuna dalla tua ultima visita.  Notizie recenti per prime: Le notizie verranno visualizzate nell'ordine in cui sono state pubblicate. Le notizie in evidenza verranno contrassegnate da un angolino blu.


Se siete stati assenti per un pò e l'ordinamento della vostra sezione Notizie è impostato su ORDINA: Notizie in evidenza per prime, visualizzerete le notizie in evidenza nella parte superiore della sezione Notizie. Sono contrassegnate da un angolo blu e possono essere diverse a seconda di quanto tempo è passato dall'ultima volta che avete visitato la sezione Notizie.

Facebook decide se qualcosa può essere una "notizia in evidenza" in base a una serie di fattori, tra cui il vostro rapporto con la persona che ha pubblicato la notizia, quanti commenti e "Mi piace" ci sono stati, il tipo di notizia, ecc. Ad esempio, l'aggiornamento di stato di un amico che normalmente non sarebbe una notizia in evidenza potrebbe diventarlo se tanti altri amici la commentano.


Facebook ha anche aggiunto un controllo in alto a destra di ogni notizia con cui potete contrassegnare o meno la notizia come in evidenza. Questo aiuterà Facebook a migliorare la vostra sezione Notizie nel tempo. Se vedete qualcosa che non reputate interessante nelle notizie in evidenza, passate con il mouse sopra il lato destro dell'aggiornamento in questione, cliccate sulla freccia e poi su Rimuovi questa notizia da quelle in evidenza.

Passate con il mouse sopra il pulsante Aggiornamenti attivati nella parte superiore del profilo (diario) dell'utente per scegliere con quale frequenza ricevere gli aggiornamenti e anche i tipi di aggiornamenti che preferite visualizzare. Deselezionate tutti i tipi di aggiornamenti che non desiderate visualizzare nella sezione Notizie:


Aggiornamenti visualizzati
  • Tutti gli aggiornamenti
  • La maggior parte degli aggiornamenti
  • Solo aggiornamenti importanti
Tipi di contenuto
  • Avvenimenti importanti
  • Aggiornamenti di stato
  • Foto
  • Giochi
  • Commenti a "Mi piace"
  • Musica e video
  • Altre attività

Timeline disponibile come applicazione su Facebook per iPhone


Facebook per iPhone è stato aggiornato per supportare Timeline, portando l'applicazione iOS al passo con i suoi cugini web e mobile Android . La nuova applicazione v4.1, download gratuito da iTunes, funziona sia su iPhone e iPod touch, anche se una versione per iPad è ancora in elaborazione. Facebook per iPhone porta la storia visiva dei vostri impegni di Facebook - e quelle dei vostri amici - sullo schermo dello smartphone.

Secondo Facebook, è necessario prima avere già impostato Timeline sul desktop per essere in grado di visualizzarla e modificarla sul iPhone. Attualmente il nuovo Diario è un opt-in, con i nuovi utenti ai quali vengono dati 7 giorni per potere modificare la propria pagina - e di sbarazzarsi di qualcosa di troppo compromettente - prima che venga definitivamente pubblicata.

Tuttavia, il social network ha confermato che alla fine Facebook Timeline sarà un aggiornamento obbligatorio per tutti i suoi utenti. Il supporto iPad, nel frattempo, è "coming soon", anche se nessun esatto programma di rilascio è stato dato. Facebook per iOS v4.1 aggiunge anche un migliorato controllo da mobile alle liste di amici, abbonati e sottoscrizioni, una snella visione della foto di sistema con miglioramenti nel modo in cui i commenti possono essere lasciati, e tweaks di diverse performance.

Timeline è stata rilasciata in tutto il mondo la scorsa settimana, portando l'interfaccia aggiornata a tutti coloro che hanno scelto di installarla. A differenza della pagina del profilo corrente, che mostra una visione relativamente statica degli interessi di un utente e altri dettagli, Timeline presenta una lunga storia di attività di Facebook tramite video, foto, testo, link e altro ancora. Tuttavia, i sostenitori della privacy hanno risposto con cautela al nuovo sistema, suggerendo agli utenti azioni per salvaguardare la propria privacy.

Via: Slashgear

Ospedale San Martino, Facebook vietato a medici ed infermieri


Da due settimane Facebook è vietato all'ospedale San Martino-Ist perché la situazione non era più sotto controllo. Continuavano ad arrivare segnalazioni di dipendenti attaccati per ore al computer, intasando anche la rete aziendale su cui viaggiano referti e documenti sanitari sui ricoverati. La conferma arriva proprio dal sistema informatico interno: ora ha ripreso ad andare alla velocità di qualche mese fa. Chiudere Facebook vuol dire scatenare i malumori di medici, tecnici, operatori sanitari e infermieri, così l’ospedale si è mosso in silenzio, senza fare comunicazioni ufficiali, intanto, come spiega un dirigente del personale: "Chi è sempre attaccato al computer, lo scopre subito che non può più andare su Facebook". Guarda caso al San Martino hanno preferito non mettere i manifesti ma nei 2.380 computer Facebook è soltanto un ricordo. Dario Padrone è il direttore del servizio informatico dell’ospedale e parla di un intervento difensivo: "Siamo stati costretti a chiudere i social network perché erano diventati la fonte principale di software maligni che si introducevano nella rete aziendale e creavano problemi ai computer". Ammette che era arrivato il momento di mettere un freno a Facebook, ma la Cgil non ha gradito e Luciano Trotta alza la voce e spera in una retromarcia: "È una misura esagerata. L’azienda, prima di decidere, avrebbe dovuto avere il quadro sull’uso sconsiderato dei computer aziendali. Facebook è diventato un importante strumento per socializzare e ormai di uso comune. Non mi sembra ci sia nulla di male anche se è ovvio che i lavoratori devono navigare con buonsenso e senza esagerare".

Via: Il Secolo XIX

domenica 18 dicembre 2011

Rivelata situazione finanziaria di Facebook, ricavi per 2,5 mld $


Continuano a circolare indiscrezioni sulla situazione finanziaria di Facebook, dato che il social network non è quotato in Borsa e non è tenuto a diffondere dati ufficiali. Le ultime parlano di un fatturato di 2,5 miliardi di dollari nei primi nove mesi del 2011 (in precedenza si era parlato di circa 4 miliardi nell’intero 2011 ed Ebitda di 2 miliardi). 

I numeri, abbastanza dettagliati, sono comparsi in esclusiva sul blog Gawker, considerato attendibile ma solitamente più concentrato sul gossip e sulle notizie scandalistiche, che cita a sua volta fonti vicine a Facebook. Secondo il blog, nei primi nove mesi dell'anno è stato generato un utile operativo di 1,2 miliardi di dollari (profitti netti per 714 milioni di dollari), con un flusso di cassa operativo di un miliardo di dollari. 

Inoltre, Facebook avrebbe asset per 5,6 miliardi di dollari e liquidità per 3,5 miliardi di dollari. Quanto alla proprietà, il fondatore Mark Zuckerberg avrebbe una quota del 24%, la russa Digital Sky Technologies il 10% e i dipendenti un totale del 30% (quote di minoranza in mano a Microsoft, l'1,3%, e ai clienti di Goldman Sachs, il 3%). 

Facebook ha 800 milioni di utenti e continua ad ottenere notevole successo, ma anche se "potrebbero sembrare ovvie gli enormi giri di denaro, avere tonnellate di utenti non è la stessa cosa che avere molti di soldi. Basta chiedere a MySpace, il popolare sito acquistato da News Corp, che ha fatto solo 'qualche milione di dollari' di profitto", scrive Ryan Tate sul blog. 

La sua valutazione è stata successivamente decimata dopo aver perso un affare in chiave pubblicitaria. Google, nel frattempo, sembra abbia affondato ingenti risorse nella sua nuova rete di Google Social Plus, ma la redditività non è in alcun modo considerata inevitabile.

Via: Corriere della Sera

sabato 17 dicembre 2011

Barack Obama vieta Facebook a figlie, forse tra qualche anno online


Niente Facebook ancora una volta per le figlie del presidente Barack Obama: Sasha, dieci anni, non avrebbe ancora l'età per iscriversi al social network di Mark Zuckerberg, ma Malia ha compiuto tredici anni e sarebbe grande abbastanza per avere un suo account. Il papà e la mamma sono però contrari.

A Obama non va giù che un gruppo di persone devono sapere che cosa accade nella famiglia residente nella Casa Bianca. Il presidente però ha detto che forse, tra qualche anno, quando le sue bambine saranno cresciute, potranno mettersi anche loro nell’ormai mondo familiare di Facebook.

I regolamenti federali impediscono ai siti web di raccogliere informazioni dagli utenti di età inferiore ai tredici anni. Ma il punto non è questo. "Perché mai dovremmo far sapere i fatti nostri ad un intero gruppo di persone che non conosciamo? la cosa non ha molto senso", ha detto il presidente in un'intervista al settimanale People.

E poi, scherzando ha aggiunto, sull'argomento "vedremo come si sentiranno tra quattro anni". Sulle pagine del magazine americano il presidente e la First Lady hanno parlato anche delle loro abitudini televisive. "Lo show preferito mio e delle ragazze è 'Modern Family', ha spiegato il presidente, aggiungendo di avere però gusti un po' cupi.

"Infatti, non guardiamo la tv con lui", ha ribattuto ridendo la First Lady Michelle. Censura, insomma, per le piccole di 13 e 10 anni, diversamente da come la pensa il 55% dei genitori americani. Con un obiettivo chiaro: difendere la privacy della famiglia più celebre del mondo ed evitare che molti sconosciuti possano venire a conoscenza dei loro fatti privati.

Via: ANSA

Strage Firenze, indagini sul profilo del killer e amici Facebook


Facebook come soluzione nelle indagini sulla spietata esecuzione dei giovani ambulanti senegalesi. Gianluca Casseri - il ragioniere-killer cinquantenne malato di depressione e diabete ma anche, e soprattutto, di razzismo e neonazismo - aveva soltanto due amici sul suo profilo Facebook. Procura e investigatori stanno indagando su eventuali confronti prima della strage tra Casseri e i due amici, indottrinati di cultura xenofoba, che hanno in qualche modo potuto spingerlo a compiere gli omicidi. 

Sempre su Facebook è concentrat un’altra tranche dell’inchiesta. Riguarda i sostenitori del gesto folle del ragioniere simpatizzante di Casa Pound. Il procuratore capo Giuseppe Quattrocchi ha aperto un fascicolo per istigazione o agevolazione a delinquere. 

"Sono state avviate indagini - precisa - per identificare gli autori di questi messaggi. Si sta, cioè, verificando l’ipotesi della presenza di eventuali concorrenti nei due omicidi e nei tre tentati omicidi non solo sotto il profilo materiale, ma anche in forma di concorso morale sotto il profilo di eventuale istigazione o agevolazione dei reati". 

Resta da capire se da uno di questi due contatti Facebook è partita la suggestione - per non dire il suggerimento - sulla sparatoria di martedì. E il ruolo del social network, in questa drammatica storia di ordinaria follia, non finisce qui. Sempre sul computer recuperato nella casa della madre di Gianluca Casseri, a Pistoia, sono evidenti le tracce lasciate dalle chat e dai contatti con siti di estrema destra stranieri. Il computer, in realtà, appartiene al fratello dell’assassino, ferroviere in pensione. Ad usarlo, tuttavia, era prevalentemente Gianluca che raggiungeva la casa di famiglia ogni 4-5 giorni.

Via: La Stampa
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...